TI ABBRACCIO FORTE SILVIA 

Si, non ti conosco, lo so. Ma è come se ti conoscessi da sempre, Silvia. E ora voglio solo abbracciarti , ora che son passati quasi sei mesi. Sei mesi è mezzo anno. Mezzo anno che ti hanno rapita, presa, catturata. Vorrei dirti di essere forte, ma in fondo, so già che lo sei. Voglio dirti che sei una ragazza splendida, una ragazza come tante, come me, come mia sorella, come le mie amiche, come le mie compagne.

In verità , vorrei dirti tante, troppe cose, raccontarti come vedo il mio Paese, il tuo Paese, ora. Quello che in questi lunghi mesi è successo. Raccontarti, che, oltre le istituzioni, i governi e i comuni, ci sono migliaia e migliaia di persone che, tutti i giorni ti pensano, provano ad adoperarsi per te, assieme a centinaia di associazioni e comitati, per spingere affinchè tu sia liberata, affinchè tu non venga dimenticata. La tua famiglia, in poche parole, si è allargata, e ora hai decine di padri e madri in Abruzzo, decine di fratelli in Sicilia, decine di sorelle in Liguria, centinaia di amici e amiche in Sardegna, Umbria, Veneto, Puglia. Ovunque. E non sei sola, non sei sola, cazzo.

Sei partita semplicemente spinta da entusiasmo e sogni, da tanta voglia di esserci, di aiutare, di sporcarti le mani. E l’hai fatto con i gesti più umili, gratuitamente, stando in mezzo agli ultimi.

Quindi, si, ti abbraccio e ti dico grazie. Perché hai avuto il coraggio di fare, quello che forse anche io vorrei fare ma non ho mai fatto. Partire, andare lontano, rimboccarsi le mani e stare in mezzo alla povertà, al disagio. E provare a dare una mano.

In mezzo ad uno mondo che parla parla e blatera on line, tu hai preferito i fatti alle parole.

E tutti e tutte quelle che provano soltanto per un attimo a offenderti, a denigrarti, a inondarti di cattiveria solo perché donna e cooperante, beh, loro sono solo delle grandi merde.

Quindi resisti, tieni duro.
Perché in un mondo dove regna razzismo, indifferenza e odio, abbiamo bisogno di ragazze come te che scelgono amore, libertà e solidarietà. 

SILVIA ROMANO LIBERA SUBITO


1 commento

Giusi · 14 Maggio 2019 alle 19:16

Penso spesso a Silvia. Una delle migliori figlie, sorelle, giovane di questo nostro Paese. Ti penso Silvia e non dimentico. Non dimentico le offese sui social rivolte a te, che ti sei occupata, con la tua gioia di vivere, di bambini, nati nella parte sbagliata di questo Mondo. Silvia ti aspettiamo, l’Italia ti aspetta. Che questo incubo possa terminare. ❤️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *